6 giugno: Geobotanica medicinale: i sentieri del medico antico

6 giugno: Geobotanica medicinale: i sentieri del medico antico

Com’era nel ‘500 la flora medicinale delle nostre zone? Quante di queste piante vengono ancora usate e com’è cambiato il paesaggio da quella volta? Seguiremo la storia e i percorsi di Pietro Andrea Mattioli, che esercitò a Gorizia nel XVI secolo, ricostruendo l’immagine della flora medicinale antica delle nostre zone, tra Carso isontino e litorale Triestino, attraverso il suo lavoro più importante: il testo dei Commentari al De materia medica di Dioscoride.

Appuntamento domenica 6 giugno alle ore 17.00, in compagnia della dott.ssa Elizabeth Visentin, vicepresidente e responsabile scientifico dell’associazione Oannes, dove si occupa di valorizzazione della cultura botanico-medicinale in ambito storico e scientifico.

La partecipazione all’evento è gratuita. Il numero di posti è limitato, per aderire seguite quindi le istruzioni riportate qui sotto.

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE
Nel rispetto delle normative relative all'emergenza COVID-19 l’evento è organizzato a numero chiuso. La partecipazione è possibile solo su prenotazione. Per aderire inviate una mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. con il vostro nominativo, un recapito telefonico e l’indicazione dell’orario in cui vorreste partecipare. La prenotazione è effettiva al ricevimento della conferma da parte dello staff di Carsiana. La partecipazione all’evento è gratuita. Per partecipare è obbligatorio l’uso della mascherina, il rispetto della distanza di sicurezza e la disinfezione delle mani con gel idroalcolico.


INFORMAZIONI ORGANIZZATIVE
Data: 6 giugno
Orario di inizio: 17.00
Durata: 2 ore
Luogo di ritrovo: Giardino botanico Carsiana
Difficoltà: facile, per adulti
Equipaggiamento consigliato: abbigliamento comodo e scarpe sportive
Quota di partecipazione: gratuito grazie al contributo della Regione Friuli Venezia Giulia
Prenotazione: obbligatoria all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.